Tagliare le filiere


In un momento come quello che stiamo vivendo crediamo sia necessario ridare importanza ai veri valori umani.
Questo significa che, oltre ad un’importante digitalizzazione delle aziende, sia determinante portare le macchine e i software al servizio dell’uomo e non viceversa.

Per noi è fondamentale riscoprire i veri valori della vita.
Dobbiamo riscoprire i valori della correttezza, della trasparenza e della vera essenza dei bisogni e dei consumi.

Intenzionalmente o meno, abbiamo complicato ogni aspetto della nostra vita creando grovigli di passaggi e idee.

La vita è semplice e tale dovrebbe rimanere.

Semplificare la nostra vita, i nostri consumi e il nostro lavoro, significa impedire che ci sia qualcuno che, nascosto nell’ombra, attui manovre di pura e cieca speculazione.
Comportamenti che abbiamo pagato, che paghiamo e che, se non raddrizziamo la situazione, continueremo a pagare.

Quello che accade realmente

“Dico al grossista: ho dieci quintali di pesche, ti interessano? Lui mi dice no. Dopo una settimana mi richiama: hai sempre le pesche che mi dicevi? Te le prendo a 30 centesimi al chilo. Non ci sto nemmeno nei costi, ma se passa altro tempo devo buttarle. E allora sono costretto a vendergliele a quel prezzo. Poi chi le compra al mercato le paga 1,80 euro al kg, 6 volte tanto“. 

ProdottoPrezzo iniziale al produttore (€/kg)Prezzo finale per il consumatore (€/kg)Aumento
Pane0,22 grano2,70+1.127%
Pesche gialle0,361,80+386%
Uva Italia0,462,15+367%
Lattuga0,301,70+467%
Carote0,091,25+1.289%
Susine0,531,85+249%

Tornare a comprare in azienda, con un rapporto umano, significa dire stop a questa speculazione, aiutando le famiglie, le aziende e tutti noi.

Top